Chi paga il conto in Germania?

Le regole sociali quando si tratta di pagare il conto a cena o in altri eventi sociali possono variare notevolmente da una cultura all’altra. Ignorare le regole in queste situazioni può provocare grossi vincoli e incomprensioni.

Ma non aver paura! Le regole tedesche a riguardo sono molto precise (ok, ci sono anche delle sfumature) e le descriverò a breve.

La prima cosa che devi sapere – e la cosa più importante – è il significato implicito del verbo “invitare” in tedesco (einladen), o la sua traduzione in qualsiasi lingua se espressa da un tedesco.  Se un tedesco dice che ti sta invitando, significa che sarà lui a pagare.  Se la persona usa il verbo einladen, significa specificamente che pagherà per te.

Allo stesso modo, devi stare attento quando fai la proposta di invitare qualcuno per qualcosa. Se usi il verbo einladen, “invitare”, la persona si aspetterà che sia tu a pagare il conto.

Alcuni dialoghi d’esempio:

Komm, lassen wir some ein essen gehen.  Ich lade dich ein!

(“Andiamo a prendere un gelato? Ti invito!”)

“Ti invito” = “pago”, la persona è espressamente disposta a offrirti un gelato.

Gehen wir zusammen mittagessen?  Es gibt einen Italiener dort am Albertplatz, die Pasta schmeckt super!

“Pranziamo insieme?  C’è un ristorante italiano in piazza, la loro pasta è fantastica! “

La persona vi invita a mangiare insieme, ma ognuno paga per il proprio.

È anche comune che un tale “invito” venga specificato solo al momento del pagamento. Se, quando chiede il conto, il tuo amico dice qualcosa con il verbo einladen, è disposto a pagare il conto. 

Frasi comuni:

Darf ich dich einladen?

“Mi lascerai pagare per te?”  (traduzione letterale: “Posso invitarti?”)

Heute lich ich dich ein!

“Oggi pago!”  (traduzione letterale: “Oggi ti invito!”)

È anche molto importante sapere come sia educato o scortese rispondere in queste situazioni. Se un tedesco si è offerto di pagare, non sentire il minimo bisogno di dire di no all’istruzione. “Solo per educazione” è un concetto che qui non esiste. In effetti, di solito un rifiuto significa che la persona è stata offesa dall’offerta in qualche modo. Questa casistica si verifica quasi solo quando l’offerta era scomoda o addirittura sconveniente.  Ad esempio, se un uomo si offre di pagare la cena o il pranzo con un collega, può interpretare l’offerta come un flirt, offendersi e rifiutare. Oppure due persone che conosci, ma non molto vicine, pranzeranno insieme per discutere di qualcosa e una di loro si offre di pagare il conto: l’altra rifiuterebbe se volesse far capire che non è solo perché sono andati a pranzo insieme che ora sono diventati amici, e  vuole mantenere una chiara distanza nel rapporto tra le due persone.

LEGGI ANCHE  Alfacinhas, perché chiamano così gli abitanti di Lisbona?

E come fare ad accettare o a rifiutare l’offerta, allora?  Qualche esempio:

– Heute lich ich dich ein!

– Och, danke schön, das ist ja sehr nett!

(“Fammi pagare oggi!”

“Ah, grazie mille, che gentile da parte tua!”)

– Darf ich dich einladen?

– Ach, gerne, danke schön!

(“Mi lascerai pagare per te?”

“Certo, con piacere, grazie mille!”)

– Ich lade dich ein.

– Nein, nein, auf keinen Fall.

(“Io pago.”

“No, no, per niente.”)

Come ho detto, poiché il rifiuto appare quasi solo in una situazione in cui la persona è offesa dall’offerta, la risposta negativa sarebbe diretta, prosaica, senza un sorriso.

In alternativa, il rifiuto può avvenire anche in una situazione in cui la persona non è stata offesa, ma si sente comunque a disagio. Questo può accadere ad esempio in una situazione lavorativa.  Potresti rifiutare l’offerta se sentissi il bisogno di mantenere una distanza professionale dalla persona che l’ha proposta, anche se l’offerta non fosse inadeguata. In questo caso, la risposta sarebbe diretta, ma un po ‘più delicata, ad esempio:

– Ich lade Sie ein.

– Nein, nein, das müssen Sie nicht.

(“Io pago.”

“No, no, non devi.”)

Allo stesso modo in cui l’offerta di pagare per te deve essere presa alla lettera, per così dire, anche un rifiuto deve essere interpretato come reale e accettato.  Voglio dire, se la persona ha detto che non vuole che tu lo paghi, ha un motivo per non accettarlo e tu devi rispettarlo.  Sarebbe scortese insistere.

Ci sono molte possibili situazioni, ovviamente.  A volte, se una persona sente di avere l’obbligo di pagare il conto per qualche motivo, può farlo prima che tu possa accettare o rifiutare.  Il caso tipico è una persona anziana, ad esempio qualcuno nella tua famiglia come uno zio, il tuo capo in qualche situazione lavorativa, cose del genere.

LEGGI ANCHE  3 motivi per cui l'Augsburger Plärrer è meglio dell'Oktoberfest

La scorsa settimana, ad esempio, sono andato con un collega di lavoro e due architetti di un altro ufficio con cui stiamo facendo un progetto insieme, da presentare allo stesso municipio, e prima della presentazione abbiamo preso un caffè.  C’eravamo io, un mio collega, il capo dell’altro ufficio e una ragazza che lavora con lui.  I tre erano molto più giovani del capo, che per di più era l’unico capo presente. Ha pagato il conto senza pensarci due volte.

In queste situazioni è importante ringraziare, ovviamente.  Dopo che il conto è stato pagato e quando tutti si alzano per lasciare il ristorante, è indispensabile un “Danke schön” o “Danke für die Einladung”.

È anche importante non presumere che qualcuno ti pagherà, anche in una di quelle situazioni in cui ci si aspetterebbe. Quindi, quando si tratta di chiedere il conto, tieni il portafoglio in mano, per chiarire che intendi pagare la tua quota.

Una situazione che può essere problematica è qualcuno che sente di dover sempre pagare il conto anche se si trova allo stesso “livello gerarchico” dell’altra persona. Perché l’altra persona può capire che non è visto come un uguale.  Per esempio. Abbiamo un amico che guadagna molto bene, oltre ad essere bravo e generoso ed è per questo che ogni volta che andiamo a cena insieme – che sia qui nella città in cui viviamo o nella città in cui vive – esce pagando il conto senza chiedere. Questo è qualcosa che mi dà molto fastidio, perché sento che ci sta mancando di rispetto, come se pensasse che pagare per la cena sia oltre le nostre capacità finanziarie. Sarebbe meglio se lo chiedesse prima, se ci avesse dato la possibilità di dire “No, oggi tocca a me”. È disposto a pagare ogni volta, perché sa che guadagna molto di più degli altri coinvolti, anche bene. Ma pagare sempre, senza chiedere, è irrispettoso, visto che ha la nostra età, è un amico alla pari, non è padre, capo o zio.

LEGGI ANCHE  La pizza alla Milanese... in Germania

In generale, le regole culturali di chi paga il conto non sono molto diverse da quelle a cui siamo abituati in Brasile, è solamente il fattore della comunicazione diretta che deve essere preso in considerazione.

Tradotto dall’articolo originale “Quem paga o jantar” tratto dal blog Manha de Alemanha di Lais Flores

Autori

  • Laureato in marketing. Ama viaggiare e conoscere nuove culture. Non è ancora un bravo blogger ... ma per favore non ditegli nulla.

  • Architetto paesaggista, originaria del Brasile. Vive in Germania dal 2012 ed è autrice del blog Manha de Alemanha

Alan De Ambrogi

Laureato in marketing. Ama viaggiare e conoscere nuove culture. Non è ancora un bravo blogger ... ma per favore non ditegli nulla.

Lascia un commento